Le acque termali di Saturnia si rendono celebri soprattutto per le loro proprietà benefiche, oltre naturalmente che per la loro particolarità di fuoriuscire dalla sorgente ad una temperatura di 37,5°C, l’acqua sgorga dalla sorgente dopo un lungo percorso, precisamente arrivando dal Monte Amiata e per l’imponente flusso con il quale fuoriescono dal cratere, ovvero 800 litri al secondo, riescono a mantenere costanti le loro proprietà benefiche, grazie al continuo ricambio di elementi naturali e minerali che vengono presi dal sottosuolo.

Le Terme di Saturnia, così come il Gorello e le Cascate del Mulino accolgono acqua Solfurea-Carbonico-Solfato-Bicarbonato-Alcalino-Terrosa, le proprietà benefiche delle acque sono determinate dalla presenza di idrogeno solforatominerali, anidride carbonica e di un particolare elemento naturale, ilPlancton Termale.

Le acque solfuree di Saturnia, con le loro proprietà benefiche, vanno ad agire positivamente sul corpo, in particolar modo sull’apparato respiratorio, sull’apparato scheletrico, sull’apparato cardio-circolatorio, sull’apparato muscolare, sull’apparato digestivo e sull’apparato del ricambio, apportando notevoli benefici per quanto riguarda le infiammazioni delle articolazioni, la riduzione della pressione arteriosa, il relax, nonché proprietà esfoliantidisinfettanti e di peeling sulla pelle.