Terme di Popoli

Popoli è un piccolo comune montano della regione Abruzzo situato in provincia di Pescara. Questo suggestivo borgo è collocato all’interno della Comunità Montana della Maiella e del Morrone, a poca distanza dai principali centri regionali, come L’Aquila, Sulmona e Chieti.

Il legame tra il paese di Popoli e le terme ha origini antiche. Popoli è stata considerata sin dall’antichità “città delle acque” per il gran numero di sorgenti presenti nel suo sottosuolo e per la purezza delle fonti. Il primo stabilimento risale tuttavia soltanto al 1885, quando la cittadina abruzzese iniziò a sfruttare queste incredibili acque per fini commerciali, fino ad arrivare ad oggi dove il turismo portato dalle terme è una delle attività economiche di maggiore importanza per Popoli e per tutta l’area circostante.

Prenota ora

Stabilimento Termale:

Il complesso termale di Popoli è classificato al 1° livello Super, il massimo della scala nazionale, si sviluppa su 3.000 mq di struttura coperta, situato in un’area di 60.000mq, con un parco di 40.000 mq e un percorso cardiovascolare e respiratorio lungo 1 km.

All’interno della struttura termale vi sono vari reparti strutturati e organizzati per garantire efficienza e professionalità.
Lo stabilimento è posizionato all’ingresso del paese ed è dotato di un ampio parcheggio e servizio navetta.

Il complesso termale di Popoli si avvale di 2 reparti di massoterapia, 2 palestre attrezzate una per la ginnastica motoria e l’altra per quella respiratoria, un centro di Terapia Fisica comprendente: radar, marconi, elettrostimolazione, forni Bier, ionoforesi, ultrasuoni e vasche per idromassaggio.

Le strutture delle Terme non sono utilizzate solo a fini strettamente terapeutici ma possono trovare anche un impiego molto efficace in medicina estetica (cellulite, grassi superflui, tonificazione muscolare e dei tessuti).

I trattamenti

Le Terme di Popoli sono uno dei più famosi centri termali in Italia in cui si pratica il termalismo riabilitativo, che beneficia dell’efficace azione delle acque e dei fanghi che sgorgano naturalmente in questo comprensorio.
I trattamenti di riabilitazione sono ideali per casi di eventi traumatici della muscolatura, anche in ambito sportivo e si associano ai percorsi di fisioterapia predisposti all’interno del centro.
Oltre che per fanghi e bagni curativi le acque di Popoli sono molto usate come bibita in virtù della particolare purezza ed efficacia delle sue acque.

Le acque:

L’acqua termale che sgorga dalla sorgente denominata De Contra, fuoriesce in superficie alla temperatura di 13 gradi circa e mezzo e viene classificata come solfureo-bicarbonato-calcica. Particolarmente elevato è al suo interno la presenza di zolfo, minerale che più di ogni altro conferisce a queste acque proprietà terapeutiche su:

  • patologie dell’apparato digerente;
  • patologie delle vie respiratorie;
  • disturbi del fegato
  • malattie della pelle
  • patologie dell’apparato locomotore

Come arrivare a Popoli Terme

Trattandosi di un piccolo centro montano, l’auto è il mezzo senza dubbio migliore sia per arrivare a Popoli che per spostarsi.
Per chi arriva da località sul litorale adriatico basta percorrere, sia da nord che da sud la A14 fino a Pescara, quindi deviare sulla E80 all’altezza di Chieti, da dove si prosegue per una quindicina di kilometri fino a Popoli.
Anche dal litorale tirrenico si arriva comodamente usando l’Autostrada Roma-L’Aquila fino alla diramazione che si stacca in direzione Celano: attraversando tutta la regione della Marsica si arriva così direttamente a Popoli.

Info e Suggerimenti

Nel comprensorio di Popoli è situata la Riserva Naturale Guidata delle Sorgenti del fiume Pescara, gestita dal Comune in collaborazione con il WWF e Legambiente, che organizzano e offrono ai visitatori le escursioni guidate nel parco con le spiegazioni sulle molteplici varietà otaniche e faunistiche.
Interessante anche il Parco del Majella, sia sotto il profilo naturalistico, per osservare gli animali presenti e per fare passeggiate in quota che d’inverno come gettonatissima meta per gli sport sulla neve. Il Parco vanta infatti cime che raggiungono quasi i tremila metri, con i picchi raggiunti dal Monte Amaro (2.793), Monte Acquaviva (2.737) e Monte Focalone (2.676).
Nella vicina Capestrano, ad una decina di kilometri a nord, si trovano un’area archeologica relativa alla popolazione italica che abitava questa zona prima della conquista romana, i Piceni, ed è famosa per la statua detta ”Guerriero di Capestrano”. Sempre in questa cittadina si trova il Castello Piccolomini risalente alla fine del Quattrocento ed è possibile acquistare quale specialità gastronomica lo zafferano che viene prodotto sugli altipiani dei dintorni.

Stabilimenti e Terme Libere in Abruzzo