Porretta Terme

La località termale di Porretta Terme si trova sull’Appennino Tosco-Emiliano, nel comprensorio del monte Corno alle Scale. Porretta rientra all’interno della provincia di Bologna, ma si trova vicinissima al confine con la Toscana con la provincia di Pistoia.
Si colloca nella Valle del fiume Reno, corso d’acqua che taglia in due l’abitato, e rappresenta il crocevia di importanti vie di comunicazione, che prendono appunto il nome dalla cittadina: sono la Statale 64 Porrettana e l’omonima linea ferroviaria che collega Pistoia a Bologna.

La storia termale di Porretta è antica di 2000 anni, e affonda le sue radici in un  leggendario racconto, in base al quale le proprietà curative delle acque del posto vennero scoperte dopo che un bue ormai vecchio e inadatto all’aratro fu lasciato libero di vagabondare; dopo che questo ebbe bevuto dell’acqua della fonte riacquisto il vigore di un tempo e gli abitanti del posto scoprirono così l’utilità delle acque medicamentose.
E’ per questo motivo che il bue risanato è ancora oggi emblema delle terme di Porretta.

prenota ora

Stabilimento 

Lo stabilimento Terme di Poretta si occupa principalmente di cure termali alcune delle quali convenzionate con il SSN.
Sono 4 i principali piani terapeutici del centro termale di Porretta:

  • Trattamento con Acque Salsobromoiodiche
  • Trattamenti con Acque Sulfuree
  • Terapie Respiratorie
  • Terapie Otorinolaringoiatriche

A Poretta Terme oltre le cure, sono presenti anche Piscine con acqua termale e un reparto di medicina estetica termale, che si avvale delle più moderne e sofisticate attrezzature mediche per soddisfare in pieno le esigenze di ogni singolo cliente.

I trattamenti

I trattamenti di eccellenza per i quali Porretta è famosa si differenziano in base al tipo di acque benefica utilizzata.
Mentre infatti i mezzi di elezione per l’applicazione delle cure con acqua salso-bromo-iodica sono rappresentati da fanghi, bagni in vasca singola o piscina termale, aerosol, percorsi vascolari, irrigazioni vaginali e docce rettali, l’acqua sulfurea viene utilizzata di preferenza per trattamenti relativi alle cure inalatorie, con specializzazioni quali aerosol, humages, getti diretti, nebulizzazione ambientale, insufflazioni endotimpaniche e politzer, lavaggi nasali, docce nasali micronizzate.

Le acque:

Le terme di Porreta sono alimentate da acque sia salso-bromo-iodiche che sulfuree.
Le prime affiorano dal terreno nella parte alta del paese, laddove sono state rinvenute le rovine delle antiche terme romane, e si caratterizzano per il fatto di ricordare, con la loro composizione, l’acqua marina. I principali minerali disciolti sono cloruro di sodio, iodio e bromo.
Esplicano diverse azioni curative, fra le quali quella lievemente sedativa sul sistema nervoso centrale, anti-infiammatoria sui tessuti organici, antisettica su cute e mucosa e stimolante nei confronti della secrezioni e di diversi ormoni.
In relazione alla elevate temperatura di applicazione svolgono anche azione di innalzamento della soglia del dolore e incremento della circolazione a livello locale.
Le seconde possiedono un’alta concentrazione di idrogeno solforato, grazie al quale esercitano funzioni sedativa ed antispastica, fluidificante sulle mucosee stimolante nella produzione di anticorpi, con particolare rigurdo al contrasto del riacutizzarsi di patologie croniche quali le allergie.

Come arrivare a Porretta Terme

La località termale di Porretta Terme è facilmente raggiungibile sia in auto che in treno.

  • In auto, basta percorrere la Statale 64 Porrettana da Bologna se si viene da nord o da Pistoia venendo da sud; per circa un’ora di viaggio fra tornanti stretti ma allietati da un bellissimo panorama.
  • In treno, si utilizza la linea ferroviaria porrettana, partendo anche in questo caso dalle stazioni di Pistoia o di Bologna, per scendere infine alla stazione della località termale.

Nei periodi in cui i treni non sono in funzione sulla linea ferroviaria per motivi legati alle condizioni climatiche (tipo il gelo dell’inverno, o anche piccole frane), sono comunque presenti bus sostitutivi che consentono sia ai pendolari che ai visitatori delle terme di raggiungere Porretta.

Info e Suggerimenti

Porretta Terme presenta di per sè alcune importanti attrattive, due delle quali prevalgono su tutte: la prima è il festival di caratura internazionale dedicato alla musica Soul, che si tiene ogni anno nel mese di luglio sotto il nome di Porretta Soul Festival. L’altra è senza dubbio la classica “torta porrettana”, un tradizionale dolce tipico a forma di ciambella ricoperta di zucchero a velo.
La maggior parte dei visitatori dei dintorni di Porretta viene a sciare in Val Carlina, nel comprensorio del Monte Corno alle Scale, su quelle piste che videro sbocciare il grande talento del campione di Scii italiano Alberto Tomba. Il territorio che circonda Porretta ed il Conto alle Scale è però molto interessante anche nel resto dell’anno quando è possibile scegliere fra tantissimi itinerari di escursione pe una bella camminata di montagna: ad esempio, si possono visitare le Cascate del Dardagna, una serie di sette scenografici salti che il torrente appenninico compie a poca distanza dal lago Scaffaiolo, altra importante attrattiva dei dintorni e luogo in cui è presente uno dei principali rifugi.
Con meno di dieci chilometri di viaggio si raggiungono anche il castello della Sambuca, importante fortezza medioevale situata sul tracciato di un diverticolo della via Francigena che passava sul crinale appenninico, ed il Parco Regionale dei Laghi di Suviana e Brasimone, dove ancora si può osservare la presenza di rari mammiferi come il cervo ed il lupo, oltre che una grande quantità di cinghiali.
Proprio la presenza di cinghiali ed altra selvaggina rappresenta una delle più caratteristiche note eno-gastronomiche di questo territorio, che offre, tuttavia, anche il pregiato miele del Bosco di Poranceto, le castagne che si raccolgono su questi versanti ricoperti di castagneti secolari, ed una straordinaria varietà di funghi.

Stabilimenti e Terme Libere in Emilia Romagna