Terme di Riccione

Le terme di Riccione si trovano lungo la famosa riviera romagnola, nell’omonima località che affaccia sul mare Adriatico al confine fra Emilia Romagna e Marche. La piccola ma rinomata stazione balenare infatti è incuneata fra la località romagnola di Rimini a nord e quella marchigiana di Gabicce a sud.

Riccione Terme si affaccia sul mare ed è immersa in una pineta a pochi minuti da Viale Ceccarini, il cuore di Riccione. Un soggiorno termale a Riccione significa avere a disposizione non solo uno stabilimento con salutari acque sulfuree, ma anche poter passeggiare sulla spiaggia, fare una nuotata e godere delle attrattive che offre la Riviera Romagnola.

Tutte le cure del centro benessere di Riccione Terme vengono effettuate con le acque termali delle fonti e gli ospiti vengono seguiti da un’équipe di medici specializzati e da uno staff altamente qualificato. Molti dei trattamenti e cure perpetuate all’interno del centro sono convenzionate con SSN.

prenota ora

Stabilimento 

Lo stabilimento delle terme di Riccione si affaccia direttamente sul mare, da anni rappresentano un luogo di riferimento per le cure, il benessere ed il relax. Si avvale per i suoi trattamenti delle fonti di acqua sulfurea salso bromo iodica magnesiaca una straordinaria combinazione benefica di raro riscontro in natura e rappresentano il cuore del gruppo Riccione Terme. Allo stabilimento Termale di Riccione troviamo anche il Centro Benessere Oasi Spa annesso alle Terme, Perle d’Acqua Park, il Parco del Benessere all’aperto di Riccione Terme, le Terme di Raffaello, nei pressi di Urbino, il Palaterme, l’importante struttura per eventi a Riccione, lo stabilimento balneare riccionese Spiaggia 49 e il Club Hotel Riccione Terme, un mondo di vantaggi e convenzioni per chi frequenta le Terme e soggiorna in hotel.

I trattamenti

Il trattamento più importante delle Terme di Riccione è sicuramente la fangoterapia, effettuata con il benefico fango impastato con l’acqua Claudia-Riccione, particolarmente efficace per la cura della pelle ma anche di malattie reumatiche e osteo-articolari.
L’acqua termale viene altresì utilizzata per effettuare la cura idropinica, cure inalatorie, ventilazioni polmonari ed anche balneoterapia alla temperatura di 35-37 gradi con o senza idromassaggio.

Alle piscine termali sono annesse anche il Grottino Veneziano ed il Grottino Pompeiano (temperatura rispettivamente a 42 e a 50 gradi), le grotte artificiali per l’antroterapia.
Le terme di Riccione sono famose anche per l’annesso Centro Benessere Oasi Spa, in cui sono disponibili il Percorso Termale Sensoriale che comprende: trattamenti viso e corpo e trattamenti per capelli, oltre ad una gamma completa di massaggi e alla linea cosmetica.
I trattamenti benessere e Salus per aquam sono uno dei principali richiami delle Terme di Riccione, anche in considerazione dell’avanguardia tecnologica degli impianti che ne fanno uno dei centri Benessere in assoluto più moderni ed attrezzati in Italia.

Le acque:

L’efficacia delle cure di Riccione Terme è garantita dalle sue benefiche acque termali che sgorgano in quattro fonti. L’acqua della fonte Claudia Riccione, eccellente per queste terapie, sgorga direttamente a Riccione Terme e conserva inalterate le sue caratteristiche.
Queste straordinarie acque sulfureo-salso-bromo-iodico-magnesiache sono anche l’elemento caratterizzante dei fanghi, usati nel centro benessere, i quali vengono preparati con l’utilizzo di argille provenienti dalle cave di San Leo. Dopo la preparazione, i fanghi sono posti in vasche di maturazione per circa sei mesi e si arricchiscono di sostanze inorganiche ed organiche che ne aumentano la valenza terapeutica e li rendono unici.
Acqua termale e fanghi possono essere acquistare confezionati, presso la Boutique di Riccione Terme, all’Oasi Spa e sullo e-shop del sito web. I prodotti sono l’ideale per mantenere ed esaltare i risultati dermoestetici ottenuti durante i cicli di cura.

Le fonti

FONTE ISABELLA
Acqua sulfurea-salso-bromo-iodica-magnesiaca ad elevata concentrazione salina. Ha proprietà detossinanti e favorisce la risoluzione degli edemi.
È indicata in tutte le forme dermatologiche croniche, nei bagni per le patologie osteoarticolari e nei postumi di flebopatia cronica.
FONTE CLAUDIA-RICCIONE
Acqua sulfurea-salso-bromo-iodica-magnesiaca. Non irritante, di media mineralizzazione, facilmente tollerata. Grazie alla presenza di zolfo, è l’acqua di elezione per il trattamento delle patologie a carico delle vie aeree superiori ed inferiori, per la cura della sordità rinogena, per la preparazione dei nostri fanghi terapeutici.
Le sue proprietà antinfiammatorie, miorilassanti, stimolanti il sistema immunitario e la capacità di contrastare i gonfiori la rendono estremamente efficace nei bagni per le patologie osteoarticolari, dermatologiche e nei postumi di flebopatia cronica.
FONTE CELESTINA
Acqua leggera sulfurea-salso-bromo-iodica-magnesiaca ben tollerata anche dalle persone più sensibili. L’armoniosa mineralizzazione la rende facile da assumere nelle dosi normalmente prescritte.
Svolge una delicata ma efficace azione regolarizzatrice del transito intestinale, disintossica il fegato e ha dimostrato azioni depurative, rinfrescanti e tonificanti sull’organismo.
FONTE ADRIANA
Acqua magnesiaca-sulfurea-salso-bromo-iodica altamente mineralizzata.

Come arrivare alle Terme di Riccione

In quanto frequentatissima stazione balneare, Riccione presenta un’ottima situazione quanto a collegamenti e mezzi di trasporto con i quali è raggiungibile.
Riccione Terme è infatti, raggiungibile sia in bus dalle principali città dell’Emilia Romagna e delle Marche, sia in treno utilizzando la linea che congiunge Bologna con la Riviera e quella che unisce Ancona a Verona via Ferrara.
E’ quindi facilmente raggiungibile con tutti i mezzi pubblici sia lungo la direttrice nord-sud che costeggia la costa adriatica, sia lungo la direttrice est-ovest che unisce Bologna alla Riviera Romagnola.
A Riccione si arriva anche comodamente con l’aereo, grazie al vicino scalo aeroportuale di Rimini dedicato a Federico Fellini, che dista appena una decina di chilometri.
Per chi scegli invece di raggiungere questa località in auto, deve percorre dalle città del nord, come Torino, Milano e Firenze, via Bologna, l’autostrada A14 o la via Emilia, oppure, raggiungere direttamente Riccione. La A14 si utilizza anche per arrivare in macchina da Pesaro, Ancona, e da tutto il litorale adriatico.
Dal centro Italia, la direttrice stradale Roma-Perugia che raggiunge Riccione attraversando tutta l’Umbria è la Strada Statale 3-bis.
Da Venezia e dal nord del Veneto si può utilizzare, alternativamente, la litoranea statale che attraversa le Valli di Comacchio, o la A13 fino a Bologna per poi immettersi di nuovo sulla A14 Adriatica in direzione della Riviera Romagnola.

Info e Suggerimenti

Si hanno notizie delle proprietà curative delle terme di Riccione sin dal primo secolo avanti Cristo, quando risulta che i soldati romani portavano i propri cavalli a camminare nei fanghi termali per ristorarli dall’affaticamento e dai dolori alle zampe.
Attorno al 300 d.C. le virtù terapeutiche di questo centro termale furono testate addirittura dall’imperatore Diocleziano in persona e, successivamente, dalla regina Cristina di Svezia che le visitò nel 1657 nel corso di un viaggio presso le dimore dei Signori di Riccione al castello degli Agolanti.
Nel 1890 vengono effettuate le prime analisi scientifiche delle acque termali, che dimostrano la ricchezza di oligominerali e la loro efficacia nella cura delle disfunzioni epatiche.

Stabilimenti e Terme Libere in Emilia Romagna