Stabilimenti e Terme Libere in Umbria

Il valore aggiunto delle terme di Umbria è il paesaggio, il contesto ambientale, che certamente corrobora il trattamento termale nel recupero dell’equilibrio psico-fisiologico: l’abbinamento fra terme e paesaggi fatti di dolci ondulazioni e immensi spazi verdi è l’ideale per chi è alla ricerca di un momenti di relax.
l’Umbria una piccola regione al centro della penisola Italiana, si distingue dalle altre zone italiane per la sua forte vocazione verso il termalismo depurativo, ottenuto con l’utilizzo delle acque termali come bevanda. Si tratta di un plusvalore particolarmente importante anche in relazione all’attuale importanza estetica di questo tipo di attività.

La località termale più famosa dell’Umbria è senza dubbio San Geimini, nota per la sua attività d’imbottigliamento di una nota marca di acqua oligominerale. Tuttavia, non è facile consigliare di visitare uno stabilimento piuttosto che un altro: tutte le acque termali dell’Umbria sono particolarmente ricche di minerali e dunque efficaci, ed il contesto paesaggistico e turistico è in ciascun caso egualmente ricco di suggestioni e di attrazioni.
D’altra parte l’Umbria è una regione piccola e piacevole da girare, quindi se siete appassionati di relax termale, può darsi benissimo che in una sola vacanza riusciate a visitare più di una località, se non tutte le cinque presenti.

In totale sono tre le realtà termali presenti in Umbria con i loro relativi stabilimenti:

Le terme di San Gemini, le più popolari e prestigiose della regione, le terme di Fontecchio che distano pochi centinaia di metri dal centro di Città di Castello, uno dei comuni più importanti e grandi di questa terra. Molto apprezzato e noto sono anche le Terme Francescane che si collocano a ridosso del grazioso borgo medievale di Spello.