Tenga conto che invece la vicina che si lamenta possiede un cane di grande taglia che non solo circola nel giardino condominiale spesso libero, ma abbaia per ore e ore in giardino, e soprattutto d’estate è veramente https://dynamicsafe.com.tr/international-jazz-day.html insopportabile. Non ci siamo mai lamentati perché siamo convinti che tra condomini ci debba essere anche un minimo di ragionevolezza nel tollerare i reciproci difetti quando questi non superano una soglia ritenuta sopportabile. Il mese successivo dall’inizio degli intrattenimenti, dopo aver raccolto più di 80 firme di residenti nella zona, abbiamo presentato esposto al Sindaco per l’elevato volume dell’impianto acustico.

  • Circa due anni fa ho acquistato un bilocale ; tale bilocale ha la finestra della camera da letto che da su una strada dove è collocato un bar.
  • Allora, per questi, diventano maleducati i genitori dei bambini piccoli, per quanto questi ultimi si prodigano per ridurre al minimo il fastidio degli altri condomini.
  • Come da regolamento condominiale ho sottoposto il problema all’amministratrice chiedendo di rispettare la normale regole di convivenza e decenza spiegando le mie ragioni affermando che i suoni erano così alti da essere perfettamente percepibili anche con le imposte chiuse ed in ambienti senza aperture all’esterno.
  • La mia abitazione è a 15 metri di distanza da una cabina primaria della società di distribuzione dell’energia.

Volevo presentare tale argomento in sede di prossima assemblea condominiale e mi domandavo se e come sia possibile richiedere l’intervento di un tecnico per la misurazione del rumore e la messa in sicurezza dell’impianto ascensore. Dopo qualche mese venne ad abitare su di noi una fantastica famiglia, composta da mamma papà e due bamboccioni. Il loro passatempo è quello di litigare di continuo a voce così alta da non riuscire a sentire la televisione.

Le emissioni sonore di cui al comma 3, in termini di livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato [Leq] misurato in facciata dell’edificio più esposto, non possono inoltre superare i 70 dB negli intervalli orari di cui sopra. Il Comune interessato può concedere deroghe su richiesta scritta e motivata, prescrivendo comunque che siano adottate tutte le misure necessarie a ridurre il disturbo sentita la AUSL competente. Soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, il problema del rispetto degli orari per l’esecuzione di lavori edili o altri lavori che producono rumori, è molto sentito. Tante sono infatti le chiamate che giungono alla Centrale Operativa per il mancato rispetto degli orari di riposo. Come vedi ogni comune, attraverso la polizia municipale o urbana, può decidere di indicare degli orari in cui è possibile o non è possibile emettere rumori o fare lavori diversi dagli orari dell’uso comune.

Mi sono rivolta alla polizia municipale, ai carabinieri, all’ARPA, e naturalmente ho fatto controllare il mio impianto elettrico tutto a posto. Sperando che almeno voi ci possiate offrire una risposta risolutiva, Vi ringrazio. Da quando ha aperto sono state inoltrate numerose segnalazioni alle forze dell’ordine, senza esito positivo. La situazione è intollerabile, è come avere un cantiere edile costantemente in attività dentro il proprio giardino. Il condominio è molto vecchio, privo di qualsiasi norma di insonorizzazione, il semplice bisbigliare si sente sia al piano di sotto che accanto, ed anche io che sono al piano ultimo posso sentire gli spostamenti e il camminare di quelli di sotto o accanto, persino l’acqua della doccia.

Hanno valore delle misurazioni effettuate con strumentazioni non avente valore legale? Sono disposta anche a sostenere in proprio dei costi, ormai è diventata una questione di principio contro la maleducazione e l’ignoranza. Come era prevedibile non ho ricevuto alcuna risposta e le serate sono andate avanti con volume forse ancora più elevato per fare un dispetto a chi ha osato chiamare i Carabinieri. Non riesco a capire se simili apparecchi siano posizionabili liberamente senza alcuna autorizzazione da parte del Comune (dotato di un Regolamento per il controllo delle emissioni sonore, che tuttavia non è esplicito al riguardo) o se vi sia una normativa che limita il loro uso ad aree meno antropizzate. Premesso che il locatore abita al piano superiore e nel primo anno ha partecipato alle mie serate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Prenota vacanza termale

Prenota alle Terme di Saturnia

Prenota alle Terme di Saturnia